Print Friendly, PDF & Email

La Batteria Plug In per l´accumulo dell’energia solare in casa

Il sistema di accumulo è stato sviluppato specificamente per il nostro impianto Plug In. Per coprire il fabbisogno di base di corrente generalmente servono dai 2 ai 5 moduli. Tuttavia può succedere che saltuariamente venga prodotta più corrente fotovoltaica rispetto al carico di base della casa. Dato che, per una questione di semplicità, il sistema lavora senza generatore di corrente, la corrente in eccesso non deve essere immessa nella rete e non deve neanche andare persa.

Ogni volta che i moduli Plug in producono più corrente rispetto a quella richiesta per il carico di base della casa, viene attivato tramite “Power Line” il regolatore di carica che tramite la presa della corrente corrente ricarica la batteria al litio-ferro-fosfato da 750 Wh.

La batteria di 15 kg può essere ricaricata tramite una qualsiasi presa Schuko e può quindi essere collocata in qualsiasi punto della casa. Le batterie da 24 V agli ioni di litio non necessitano nemmeno di areazione. Il posto ideale per la batteria Plug In sarebbe il locale caldaia.

Nelle ore notturne, in cui i moduli Plug In non generano corrente, la batteria immette energia elettrica nella rete casalinga tramite la presa della corrente e servendosi di un mini inverter. Così facendo è possibile coprire anche di notte il carico di base della casa grazie alla corrente elettrica fotovoltaica prodotta in proprio.

Con un rendimento del 96% è possibile sfruttare una quantità di energia pari a quella di un impianto convenzionale. Le batterie possono essere utilizzate in maniera modulare, così per esempio mettendo insieme 2 batterie singole è possibile ottenere una batteria da 1,5KWh. La batteria Plug In insieme al modulo Plug In va a formare un impianto fotovoltaico facile da utilizzare e che produce energia elettrica da consumarsi al 100% in proprio, senza doverla immettere in rete e quindi senza EEG.
Qui potete ordinare direttamente l´impianto

Consigliateci ai vostri conoscenti
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on Facebook
Facebook